Comments are off for this post

PENSIERO: Percorsi di Educazione Non-formale & Sport – Inclusione E Riscoperta di Opportunità

Il Progetto “PENSIERO: Percorsi di Educazione Non-formale & Sport – Inclusione E Riscoperta di Opportunità” finanziato dal “Dipartimento per le politiche della famiglia” del Consiglio dei Ministri, e realizzato dagli organismi TDM 2000 in partnership con TDM 2000 International ha preso il via il 1° ottobre 2021. La partnership è al momento impegnata nella fase di preparazione delle attività e nella individuazione dei beneficiari che prenderanno parte alle attività che verranno realizzate nei prossimi 12 mesi. Il progetto mira a promuovere la cittadinanza attiva e a combattere la povertà educativa, attraverso attività sportive, di educazione non formale e informale, e responsabilizzando i giovani su temi quali non discriminazione, ambiente e stili di vita sani.

Di seguito una scheda dettagliata:

Titolo progetto: PENSIERO: Percorsi di Educazione Non-formale & Sport – Inclusione E Riscoperta di Opportunità

Ente Finanziatore: Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Politiche della Famiglia – Avviso Pubblico “Educare Insieme” 2021

Ente Capofila: Associazione TDM 2000

Partner: TDM 2000 International

Altri enti coinvolti: Scuole primarie e secondarie, associazioni sportive, amministrazione e istituzioni locali

Area Tematica: Cittadinanza attiva

Target: Giovani nella fascia di età 11-17 anni

Durata: 12 mesi

Progetto sviluppato su due assi principali:

1. ASSE – Ciclo di laboratori su partecipazione attiva, promozione del volontariato e delle opportunità formative in ambito europeo, euro progettazione, opportunità di dialogo e connessione tra i giovani e i decisori politici, realizzazione di raccomandazioni sulle future politiche giovanili locali, sviluppo di competenze trasversali e specifiche per favorire il futuro ingresso nel mondo del lavoro, creazione/gestione di gruppi giovanili informali e di un’associazione giovanile.

Obiettivi:

– Formare i giovani sulla cultura del volontariato e della partecipazione attiva, stimolandoli a diventare agenti di cambio nel proprio territorio;

– Promuovere la diffusione a livello locale di informazioni sui programmi formativi e sulle opportunità per i giovani;

– Promuovere la cittadinanza attiva e la cultura del volontariato tra i giovani;

– Favorire la partecipazione ai programmi europei di giovani, grazie anche al coinvolgimento di operatori del terzo settore, decisori politici e rappresentanti di altre istituzioni pubbliche;

– Favorire l’aggregazione giovanile mediante la costituzione di gruppi di interesse e/o consulte giovani in modo da coinvolgere direttamente i giovani nei processi di gestione dell’informazione sul territorio e di partecipazione alle iniziative di mobilità internazionale;

– Promuovere l’acquisizione di competenze specifiche utili per stimolare spirito imprenditoriale e autoimprenditorialità.

Struttura:

– 5 laboratori Organizzati e gestiti da TDM 2000, caratterizzati dalla metodologia dell’educazione non formale e dell’apprendimento esperienziale;

– Ogni laboratorio avrà durata di due giornate;

Titoli laboratori:

1. Le opportunità formative offerte dall’Europa – La mobilità internazionale – Progettazione europea – ESC, Solidarity Projects

2. La centralità delle competenze trasversali nel mondo del lavoro (leadership, lavoro in team, gestione del tempo, gestione dei conflitti, competenze digitali)

3. Scoprire e coltivare un talento – solidarietà sport e partecipazione per l’inclusione

4. Autoimprenditorialità giovanile e Innovazione: Cosa sono? Quali le competenze necessarie? come stimolarle? dall’idea alla programmazione, introduzione al mondo delle startup, creazione/gestione di gruppi giovanili informali e di un’associazione giovanile

5. Etica e scala dei valori civili – La partecipazione come lotta al cyber bullismo, violenza e discriminazione

2. ASSE – Ciclo di laboratori volto a fornire ai giovani strumenti validi atti a promuovere la diffusione dei valori civili, con il fine di favorire la loro capacità di riconoscere, comprendere e accettare le regole del vivere civile, spronandoli ad evitare comportamenti a rischio che possono dar vita a situazioni di esclusione sociale, marginalizzazione e mancata partecipazione attiva alla vita democratica nella comunità in cui vivono. Ciò sarà raggiunto:

A. Promuovendo la pratica sportiva e mirando a tutte le conseguenze positive che ciò può far scaturire, specialmente in termini di trasmissione dei suoi valori tradizionali;

B. Incentivando la diffusione di valori quali solidarietà, rispetto, tolleranza, non-violenza, attraverso la realizzazione di attività laboratoriali dinamiche e innovative che utilizzano lo sport e l’educazione non-formale come strumento educativo.

Obiettivi:

– Favorire la pratica sportiva tra i giovani, promuovendo le società sportive presenti nella città metropolitana di Cagliari;

– Promuovere la sensibilità dei giovani incentivando comportamenti che conducano a una società più inclusiva e rispettosa delle diversità, lottando contro violenza, discriminazione e razzismo;

– Stimolare il pensiero critico dei giovani, promuovendo una visione ottimistica del futuro e rendendoli consapevoli dell’importanza della partecipazione attiva e di ogni singola loro azione compiuta nella vita quotidiana;

– Fornire agli insegnanti delle scuole, agli allenatori e alle società sportive coinvolte un ampio ventaglio di buone pratiche replicabili che utilizzano lo sport e l’educazione non-formale come strumenti educativi;

– Stimolare i giovani che già praticano sport ad una riflessione che li conduca a discostarsi dal concetto della “vittoria ad ogni costo” a vantaggio di valori come fair-play, solidarietà, rispetto delle regole e sana competitività.

Struttura:

– 5 laboratori Organizzati e gestiti da TDM 2000 International, caratterizzati da attività sportive/educative, dalla metodologia dell’educazione non formale e dell’apprendimento esperienziale;

– Ogni laboratorio avrà durata di due giornate;

– Almeno 20 partecipanti per ogni laboratorio;

Titoli laboratori:

1. Che cos’è lo sport? I valori dello sport, il “Podio dei Valori”. Dai valori dello sport ai valori nella società: il fair play, garante del rispetto di regole morali e civili – Problemi di etica nello sport e nella vita di tutti i giorni

2. Dipendenza dalle scommesse e gioco d’azzardo. Fenomeno dello sport-betting tra i giovani. Lo sport e i suoi valori per combattere la dipendenza dalle scommesse. Il doping nello sport e l’utilizzo/dipendenza di sostanze stupefacenti tra i giovani

3. Le partite truccate e la corruzione nello sport. La corruzione in ambito sociale e politico. Lo sport e i suoi valori per promuovere la legalità e la lotta alla corruzione

4. Il problema delle pari opportunità di genere, dallo sport alla vita quotidiana

5. La violenza nello sport e nella vita di tutti i giorni (bullismo tra i giovani) – Lo sport e i suoi valori per promuovere la non violenza. La discriminazione e il razzismo nello sport e nella società. Migrazioni e interculturalismo. Lo sport: strumento di aggregazione e inclusione per promuovere il multiculturalismo