24_VR_3112521_pixelsaway_2x1

 

I Partenariati strategici fanno parte dell’Azione Chiave 2 del Programma Erasmus Plus – Cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone pratiche. Sono progetti di cooperazione transnazionale di piccola e larga scala che offrono l’opportunità alle organizzazioni attive nei settori istruzione, formazione e gioventù, a imprese, enti pubblici, organizzazioni della società civile etc. di cooperare al fine di

– attuare e trasferire pratiche innovative a livello locale, regionale, nazionale ed europeo
– modernizzare e rafforzare i sistemi di istruzione e formazione
– sostenere effetti positivi e di lunga durata sugli organismi partecipanti, sui sistemi e sugli individui direttamente coinvolti.

 
 
 Progetto “Spread The ART of going UP – STARTUP”                                                                               

«Spread The ART of going UP – STARTUP» è un progetto internazionale realizzato nell’ambito del programma comunitario Erasmus Plus – Azione chiave 2, al fine della promozione della cultura d’impresa e dell’innovazione nel settore dell’economia.

Partner di progetto sono Associazione TDM 2000 (Italia), Governatorato di Istanbul (Turchia), Developmental Center of Thessaly (Grecia), INOVAMAIS – Servicos De Consultadoria Em Inovacao Tecnologica S.A.(Portogallo), University Petru Maior of Targu Mures (Romania), STEP Institut, zavod za psihologijo dela in podjetnistvo (Slovenia), Sociedad de Promocion Economica de Gran Canaria (Spagna).

Il progetto ha come scopi la familiarizzazione con i concetti di imprenditorialità e Startup; la creazione di comunità di Startup locali che promuovano lo sviluppo dell’innovazione e dell’imprenditorialità nelle Regioni partner; la diffusione della conoscenza e l’aggregazione di persone che condividono la stessa passione per l’imprenditoria, al fine di creare gruppi di lavoro che svilupperanno congiuntamente idee comuni; la promozione delle Regioni partner come esempi di buone pratiche; la promozione dell’internazionalizzazione delle parti interessate e il networking tra i Paesi.

Le attività del progetto, che saranno di carattere internazionale, nazionale e locale, consisteranno seminari, meeting di valutazione e in corsi di formazione. Per quanto concerne quest’ultimo, ciascun partner di progetto realizzerà nella propria Regione d’appartenenza un corso di formazione per la preparazione alla creazione di una Startup. Il corso sarà gratuito e rivolto a chiunque voglia approcciarsi all’argomento. E’ prevista la partecipazione di 120 persone ripartiti in tre gruppi di lavoro. Il corso avrà una durata di 40 ore. A Cagliari il corso sarà realizzato dall’associazione TDM 2000 nel periodo compreso tra il 15 gennaio e il 15 febbraio.

Il progetto, che avrà la durata di un anno, si concluderà nel settembre del 2016.
Ulteriori informazioni sono disponibili nel sito web del progetto.

 
 
 PROGETTO “EUROASI – capitalizing experience in youth work”                                         

Euroasi – From Europe to Asia: capitalizing experience in youth work” è un progetto realizzato nell’ambito del Programma Erasmus +, Azione Chiave 2 “Capacity Bulding”, che coinvolge organizzazioni non governative provenienti da Filippine, Indonesia, Italia, Malta, Portogallo, e Slovenia.

Il progetto, che ha una durata di 23 mesi e si concluderà nel settembre 2016, supporta la condivisione e la trasmissione di buone pratiche, sviluppate in Europa nel settore delle attività giovanili, alle associazioni asiatiche dei Paesi coinvolti nel progetto.

Gli ultimi 20 anni hanno visto un’importante crescita delle associazioni giovanili in termini di capacità operative dovuta all’efficacia dei programmi europei del settore. Consapevoli della rilevanza di tale processo, le organizzazioni europee coinvolte nel progetto intendono condividere il “know how” derivante da tale crescita con soggetti provenienti da aree del mondo toccate marginalmente dai programmi europei.
Per tale ragione il progetto Euroasi si prefigge i seguenti obiettivi:

– Determinare il miglioramento delle capacità operative nel settore delle attività giovanili internazionali;
– Favorire lo sviluppo di politiche specifiche che riconoscano l’educazione non formale e la mobilità     internazionali quali strumenti di crescita personale e professionale dei giovani;
– Incoraggiare l’impiego dell’educazione non formale e della mobilità internazionale nei processi di crescita della società attraverso i principi della cittadinanza attiva e della crescita democratica;
– Fornire ai giovani strumenti atti a favorire il loro la consapevolezza del proprio ruolo nella società;
– Favorire nelle persone i coinvolte la consapevolezza sui differenti e approcci e metodologie di lavoro esistenti nei Paesi partecipanti;
– Costruire e rafforzare una collaborazione nel settore delle attività giovanili tra Paesi dell’Unione e Paesi extra UE;

Il Partenariato è composto da TDM 2000 International (Network Internazionale), capofila;
Partner: CV Act Global (Indonesia); One Media Boracay Incorporated (Filippine); TDM 2000 (Italia); TDM 2000 Malta (Malta); Kulturno umetnisko drustvo Plac (Slovenia); Centro Jovem de Santo Adrião – Synergia (Portogallo);

 
 
 Progetto “Islanders”                                                                                                                       

Realizzato nell’ambito dell’Azione chiave 2 del programma Erasmus Plus, il progetto Islanders coinvolge giovani provenienti da quattro isole europee: Malta, Sardegna, Creta e Azzorre.

Come è noto la realtà insulare, unitamente agli effetti della crisi attuale, favorisce il diffondersi del fenomeno dei cosiddetti NEET. Vale a dire di quei giovani che si trovano al di fuori di ogni percorso di istruzione, formazione o lavoro. La percentuale di NEET ha conosciuto in questi ultimi anni un preoccupante incremento che getta una luce fosca sul percorso di costruzione di una società europea equa e prospera secondo quanto previsto dagli obiettivi dell’Agenda 2020.

Il progetto “Islanders” si propone di contrastare questo fenomeno attraverso la formazione di giovani NEET tra i 18 e i 25 anni per il loro inserimento nel settore del turismo. Le attività che si svolgeranno nell’arco di due anni consisteranno in corsi di formazione, meeting internazionali e periodi di praticantato. La formazione si accompagnerà allo sviluppo di una piattaforma on line per l’attuazione di percorsi di e-learning.

 

 

bn3